GSK Infettivologia
Tumore prostata
Forum Infettivologico
Tumore prostata

Rischio di eventi avversi oculari associati all'uso di inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5 negli uomini


Numerosi casi clinici e piccoli studi epidemiologici hanno quantificato il rischio di eventi avversi oculari associati all'uso di inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5 ( PDE5I ).
Tuttavia, i risultati sono stati contrastanti e non sono disponibili dati epidemiologici sul rischio di distacco sieroso della retina ( SRD ) e di occlusione vascolare retinica ( RVO ).

È stato quantificato il rischio di distacco sieroso della retina, occlusione vascolare retinica e neuropatia ottica ischemica ( ION ) associati all'uso di inibitori di PDE5.

Questo studio di coorte con un'analisi caso-controllo nidificata è stato eseguito utilizzando i dati ottenuti dal database PharMetrics Plus ( IQVIA ) dal 2006 al 2020. I membri della coorte sono stati seguiti fino alla prima diagnosi di distacco sieroso della retina, occlusione vascolare retinica o neuropatia ottica ischemica o cessazione della copertura assicurativa.

Per ogni caso, 4 controlli sono stati abbinati per età e ora di ingresso nello studio utilizzando un campionamento basato sulla densità.
Il rischio per gli utilizzatori regolari di inibitori di PDE5 è stato confrontato con quello per i non-utilizzatori, aggiustando per potenziali variabili confondenti.
Sono stati esclusi i casi con diagnosi di distacco sieroso della retina, occlusione vascolare retinica e neuropatia ottica ischemica nell'anno precedente alla coorte.

L’esito principale era la prima diagnosi di distacco sieroso della retina, occlusione vascolare retinica o neuropatia ottica ischemica identificata dai codici ICD-9 o ICD-10.
Il rapporto tra tassi di incidenza ( IRR ) sono stati calcolati utilizzando la regressione logistica condizionale, controllando per ipertensione, malattia coronarica, fumo e diabete ( per tutti e tre gli esiti ) nonché apnea notturna per l'esito neuropatia ottica ischemica.

La coorte era composta da 213.033 uomini che ricevevano inibitori di PDE5, inclusi Sildenafil ( Viagra ), Tadalafil ( Cialis ), Vardenafil ( Levitra ) e Avanafil ( Stendra ).
L'analisi caso-controllo ha incluso in totale 1.146 casi di distacco sieroso della retina ( 278 ), occlusione vascolare retinica ( 628 ) e neuropatia ottica ischemica ( 240 ) e 4.584 controlli, e l'età media in entrambi i gruppi era di 64.6 anni.
I pazienti con distacco sieroso della retina, occlusione vascolare retinica e neuropatia ottica ischemica avevano maggiori probabilità di avere ipertensione, diabete, malattia coronarica e apnea notturna.

L'IRR aggiustato per gli endpoint compositi di uno qualsiasi dei tre esiti è stato 1.85 ( incidenza, 15.5 casi per 10.000 anni-persona ).
L'IRR aggiustato per distacco sieroso della retina, occlusione vascolare retinica e neuropatia ottica ischemica come esiti individuali è stato, rispettivamente, di 2.58 ( incidenza, 3.8 casi per 10.000 anni-persona ), 1.44 ( incidenza, 8.5 casi per 10.000 anni-persona ) e 2.02 ( incidenza, 3.2 casi per 10.000 anni-persona ).

I risultati di questo studio di coorte hanno indicato che le persone che fanno uso regolare di inibitori di PDE5 potrebbero avere un rischio maggiore di distacco sieroso della retina, occlusione vascolare retinica e neuropatia ottica ischemica.
Gli utenti regolari degli inibitori PDE5 devono essere consapevoli degli eventi avversi oculari associati a questi farmaci e avvisare i propri medici in caso di deficit visivi. ( Xagena2022 )

Etminan M et al, JAMA Ophthalmol 2022; 140: 480-484

Uro2022 Oftalm2022 Farma2022



Indietro