EAU17
Tumore Vescia
Tumore prostata

Screening per il cancro della prostata


Lo screening è in grado di rilevare il cancro alla prostata in modo precoce, le fasi asintomatiche e quando i trattamenti potrebbero essere più efficaci.

Sono stati analizzati i database sugli studi randomizzati riguardanti lo screening dell'antigene prostatico specifico ( PSA ), studi clinici randomizzati e studi di coorte di terapia con prostatectomia o radioterapia rispetto all'attesa vigile, e grandi studi osservazionali di lesioni perioperatorie.

Dei cinque studi di screening, i due studi di maggiori dimensioni e di migliore qualità hanno riportato risultati contrastanti.

In uno è emerso che lo screening è risultato associato a una ridotta mortalità specifica per cancro alla prostata rispetto all’assenza di screening in un sottogruppo di uomini di età compresa tra i 55 e i 69 anni dopo 9 anni ( rischio relativo, RR=0.80; riduzione assoluta del rischio, 0.07 punto percentuale ).

Nell'altro studio non è emerso alcun effetto statisticamente significativo dopo 10 anni ( RR=1.1 ).
Dopo 3 o 4 cicli di screening, dal 12 al 13% degli uomini sottoposti a screening ha avuto risultati falsi-positivi.
Infezioni gravi o ritenzione urinaria si sono verificate dopo lo 0.5 fino all’1.0% delle biopsie della prostata.

C’erano 3 studi randomizzati e 23 studi di coorte.
Uno studio di buona qualità ha evidenziato che la prostatectomia per il cancro prostatico localizzato riduce il rischio di mortalità specifica per tumore alla prostata rispetto alla vigile attesa nel corso di 13 anni di follow-up ( RR=0.62; riduzione assoluta del rischio 6.1% ).

I vantaggi sono sembrati essere limitati agli uomini di età inferiore ai 65 anni.

Trattare circa 3 uomini con prostatectomia o 7 uomini con radioterapia invece della vigile attesa comporterebbe, in entrambi i casi, 1 caso aggiuntivo di disfunzione erettile.
Il trattamento di circa 5 uomini con prostatectomia sarebbe associato a 1 caso addizionale di incontinenza urinaria.

La prostatectomia è risultata correlata a morte perioperatoria ( circa 0.5% ) ed eventi cardiovascolari ( dallo 0.6 al 3% ), mentre la radioterapia è associata a disfunzioni intestinali.

Anche se la revisione ha incluso solo articoli in lingua inglese e non ha considerato studi sulle nuove terapie, è possibile concludere che lo screening basato sul PSA ha rivelato una lieve o nessuna riduzione della mortalità specifica per tumore alla prostata, ed è associato a lesioni relative alle indagini diagnostiche e ai trattamenti, alcuni dei quali possono essere inutili. ( Xagena2011 )

Chou R et al, Ann Intern Med 2011; 155: 762-771


Uro2011 Onco2011 Diagno2011



Indietro