Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Controversies in Genitourinary Tumors
EAU17
Tumore rene

Elevato livello plasmatico di aldosterone come fattore di rischio per la disfunzione erettile


La disfunzione erettile e la malattia cardiovascolare condividono un certo numero di fattori di rischio. Vi è una crescente evidenza che l'aldosterone, un fattore di rischio cardiovascolare indipendente, sia associato alla disfunzione erettile.

L'obiettivo di uno studio è stato quello di determinare la relazione tra aldosterone plasmatico e disfunzione erettile.

Lo studio ha reclutato 287 partecipanti, di età compresa tra 18 e 84 anni; 217 erano affetti da disfunzione erettile, diagnosticata in base ai punteggi della scala IIEF-5 ( International Index of Erectile Function 5 ). Sulla base dei punteggi IIEF-5, i pazienti sono stati divisi in un gruppo di controllo e tre gruppi di disfunzione erettile ( disfunzione erettile lieve; disfunzione erettile moderata; disfunzione erettile grave ).

Lo studio ha dimostrato che la differenza nei livelli plasmatici medi di aldosterone tra i gruppi di disfunzione erettile e il gruppo di controllo era statisticamente significativa ( P inferiore a 0.05 ).

L’analisi di regressione logistica con approccio stepwise di tutti i possibili fattori ha fornito elementi a sostegno del ruolo dell’aldosterone come fattore indipendente di rischio per la disfunzione erettile ( odds ratio, OR=1.01; 95% IC 1.003-1.018; P=0.004 ).

La curva ROC e l'area sotto la curva sono state calcolate per valutare l’effetto diagnostico e confrontare la gravità del rischio con fattori di rischio indipendenti noti, quali l'età e il colesterolo ( OR=0.70; IC 95% 0.631-0.778; P inferiore a 0.001 ).

Dopo aver utilizzato un valore di cut-off di 374 pg/ml dell'indice Youden, l'odds ratio del gruppo di disfunzione erettile rispetto ai controlli è stato pari a 3.11 ( 95% IC 1.458-6.617 ), mentre l'odds ratio della disfunzione erettile da moderata a grave rispetto ai controlli e alla disfunzione erettile lieve è stato pari a 5.48 ( 95% IC 3.108-9.662 ).

In conclusione, l’elevata concentrazione plasmatica di aldosterone è un fattore di rischio indipendente per la disfunzione erettile.
I risultati hanno anche indicato che l'aldosterone, noto per causare danno vascolare, potrebbe essere coinvolto sia nella disfunzione erettile sia nella malattia cardiovascolare. ( Xagena2015 )

Wu F et al, World Journal of Urology 2015; First online

Uro2015 Cardio2015



Indietro